In un contesto di crescita a rilento e presunto stress sui mercati si torna a parlare di «svolta delle banche centrali», ossia di un’inversione di tendenza delle politiche monetarie. Le condizioni finanziarie si sono inasprite e la crescita sembra rallentare, ma la situazione non è grave e l’inflazione non è ancora a livelli da richiedere la fine della stretta monetaria.

Nell’Eurozona l’inflazione supera il 10% e continua a salire. Gli Stati Uniti potrebbero aver superato il picco dell’inflazione, ma l’inflazione di fondo, dato più importante che esclude alimentari ed energia, continua a puntare al rialzo. Inoltre, le condizioni del mercato del lavoro USA si confermano solide. Gli indicatori di stress finanziario non sono attualmente a livelli allarmanti. Gli spread dei titoli CCC, la volatilità azionaria implicita (VIX), la liquidità dei Treasury e gli indici delle condizioni finanziarie non mostrano valori estremi (cfr. grafico). Detto ciò, crediamo che il ciclo di inasprimento stia per concludersi, ma non si tratta di una svolta. 

Altri argomenti che potrebbero interessarvi

Research Reports

Konjunktur-3840x2160

Economia

Prospettive Economia Novembre/Dicembre 2022

10.11.2022

Research Reports

Finanzen-3840x2160

Mercati Finanziari

Prospettive Mercati Finanziari Novembre/Dicembre 2022

10.11.2022

Research Reports

Konjunktur-3840x2160

Economia

Prospettive Economia Ottobre 2022

06.10.2022

Research Reports

Emerging-3840x2160

Emerging Markets

Prospettive Mercati emergenti Quarto trimestre 2022

06.10.2022