Stati Uniti: netto aumento della pressione salariale. Eurozona: a differenza degli anni dopo il 2009, la politica fiscale ha un effetto prociclico. Svizzera: ritorno alla normalità anche per il turismo dello shopping.

Grafico del mese

Economics_Chart_0621_IT

L’ “inverno del coronavirus” è stato lungo e difficile, ma, come previsto, non ha causato sconvolgimenti economici come nella primavera 2020. Tra ottobre 2020 e marzo 2021 la produzione economica ha subito un ristagno o un lieve calo in gran parte dei Paesi industrializzati, probabilmente anche in Svizzera. Gli USA sono stati il Paese più dinamico. Sia il PIL USA che quello svizzero sono già tornati al livello pre-crisi nel T1 2021 e probabilmente lo supereranno nel T2. I Paesi europei, specie quelli periferici, ne sono ancora ben lontani e nel T1 hanno registrato performance inferiori alle attese, motivo per cui abbiamo rivisto leggermente al ribasso le nostre previsioni per l’Eurozona.

Altri argomenti che potrebbero interessarvi

Research Reports

Finanzen-3840x2160

Mercati Finanziari

Perspectives Mercati finanziari Novembre/Dicembre 2021

11.11.2021

Research Reports

Konjunktur-3840x2160

Economia

Prospettive Economia Novembre/Dicembre 2021

11.11.2021

Research Reports

Back view image of young lady outdoors walking on bicycle on the street.

L’European Thematic Cities Index di Swiss Life Asset Managers

19.10.2021

Research Reports

Finanzen-3840x2160

Mercati Finanziari

Perspectives Mercati finanziari Ottobre 2021

08.10.2021